EDITORIALE

 

IL TEMPO È ADESSO

 

di Giuseppe Marchica

 

 

Nel momento in cui questo giornale arriva in edicola, le OO.SS. dovrebbero essere riunite con la Fieg, per la prosecuzione delle trattative per il rinnovo dell’Accordo Nazionale, anche se forse è più corretto parlare di inizio più che prosecuzione.

 

“Accordo Nazionale… parlare di questa trattativa  è alquanto difficile”

 

Quindi parlare di questa trattativa  è alquanto difficile.

Noi vogliamo limitarci ad alcune considerazioni che a più riprese e in diversi luoghi e occasioni abbiamo anche già potuto fare.

La prima:

per il Sinagi, non esiste nessuna possibilità di sottoscrivere accordi che non consentano alle edicole di guardare avanti con un po’ di ottimismo, e per far si che questo avvenga, occorrono risorse economiche importanti che devono essere messe a disposizione.

La seconda:

se le aziende editrici non hanno queste risorse, le possono trovare agendo sul prezzo di copertina, dando quindi anche un corretto valore al loro prodotto editoriale.

La terza:

se queste risorse non vengono messe a disposizione attraverso il rinnovo dell’Accordo, dovranno essere messe a disposizione da altri soggetti, ad esempio dal Governo, che nel finanziare l’editoria, deve tenere conto delle edicole e del ruolo fondamentale che rivestono, indirizzando nuove risorse sulla rete di vendita, o ridistribuendo diversamente rispetto ad oggi i finanziamenti che all’editoria vengono destinati.

 

“abbiamo dato la disponibilità della professionalità degli edicolanti, che tra l’altro non è mai venuta meno in tutti questi anni”

 

In cambio, abbiamo dato la disponibilità della professionalità degli edicolanti, che tra l’altro non è mai venuta meno in tutti questi anni.

Oggi le edicole sono libere di vendere quello che vogliono, di aprire e chiudere con gli orari che più ritengono adeguati per il loro punto vendita.

Abbiamo chiesto alla Fieg se chiedono ancora una rete di vendita diffusa e dedicata.

Se la risposta è SI, allora devono mettere sul tavolo ciò che è necessario allo scopo, altrimenti ci comporteremo di conseguenza.

L’impressione che abbiamo, è che gli editori di quotidiani siano molto interessati alla nostra rete, quelli dei periodici, un po’ meno.

Il 31 ottobre, come si diceva, forse parte la trattativa per il rinnovo dell’Accordo, continuo a scrivere questa parola con la A maiuscola, perché ritengo che sia la strada fondamentale per dare una sistemata positiva a tutto il sistema.

La piattaforma presentata, anche grazie alle idee del Sinagi che sono state condivise, rappresenta un progetto di filiera vero, rappresenta una soluzione vera ai problemi delle rete distributiva e di vendita, lo abbiamo spiegato agli editori che al momento sono sordi, lo abbiamo spiegato ai distributori locali, che si sono detti molto interessati, ma che non hanno fatto un solo passo nella direzione di condividere quel progetto o parte di esso.

 

“non c’è più tempo, bisogna trovare soluzioni, e bisogna trovarle adesso”

 

Il Comitato Direttivo Nazionale del Sinagi, ha assunto delle decisioni importanti, quali la proclamazione di scioperi generali, il primo dei quali con una manifestazione a Roma, presidi davanti alle sedi dei quotidiani locali, blocco delle esposizioni delle locandine, blocco delle compieghe di prodotti gratuiti e panini di vario tipo, esposti penali nei confronti dei distributori locali che obbligano i rivenditori a pagare oneri non dovuti contrariamente a quanto previsto dall’Accordo Nazionale e soprattutto dal D.L. 170 modificato nel luglio del 2017.

La piattaforma che abbiamo presentato, rappresenterebbe la soluzione a tutti i problemi, ma ad oggi siamo da soli, quindi siamo costretti a mettere in campo tutto quello che abbiamo per salvare la nostra rete di vendita.

Anche queste cose stiamo dicendo al Governo e lo diremo a tutto il Parlamento coma già abbiamo fatto negli anni passati.

Non c’è più tempo, bisogna trovare soluzioni, e bisogna trovarle adesso.

 

 

---------------------------------- © Riproduzione riservata---------------------------------